Gioco d’azzardo patologico e anziani: Diagnosi e cura. Gli studi condotti in questi ultimi anni evidenziano un fenomeno apparentemente controintuitivo: il gioco d’azzardo, nelle sue forme sane e patologiche (ludopatia), sarebbe in progressivo aumento tra gli anziani, non sono solo giovani e giovanissimi quindi a rappresentare i clienti ideali di bar e sale giochi. Il fenomeno sembrerebbe legato sia a fattori economici e sociali (povertà, isolamento sociale) che alla comorbilità con patologie neurodegenerative come il morbo di Parkinson.

La Lectio magistralis andrà ad affrontare la situazione italiana del GAP(Gioco d’azzardo patologico) per quanto riguarda gli anziani, individuando alcune strategie di diagnosi e di sviluppo di reti di cura.

Mauro Croce, psicologo, psicoterapeuta e criminologo, socio fondatore di Alea, lavora alla ASL VCO, insegna alla SUPSI di Lugano ed ha collaborato con la Universidad Nacional de San Luis in Argentina dove ha curato con altri autori Los escenarios de adicciones en las sociedades actuales (2011) e Tratato sobre el juego patologico (2012). Con G. Bellio ha curato il “Manuale sul gioco d’azzardo” (Milano, 2014) e con F. Rascazzo “Gioco d’azzardo, giovani e famiglie (Firenze,2013).